Home Turismo Valtellina, turismo e gastronomia

Valtellina, turismo e gastronomia

by Albore Simone Marino
0 commento

La Valtellina è tra i luoghi più conosciuti della Lombardia per quanto riguarda lo sport invernale ma anche per le tradizioni culinarie. Questa zona della Regione, si sta affermando sempre più a livello internazionale e le Olimpiadi del 2026 di Milano e Cortina toccheranno anche questo territorio.

La Valtellina ha già iniziato a preparasi, attraverso iniziative ed investimenti, ad affrontare il tema di Milano Cortina 2026, un traguardo importante per le Regioni Veneto e Lombardia, ma anche per l’intero territorio nazionale.

Non solo sport in Valtellina, ma anche gastronomia, tra i prodotti più noti prodotti senza dubbio vi sono i Pizzoccheri, il formaggio Bitto e Casera DOP e molti vini DOCG.

Un’area di Lombardia ricca anche dal punto di vista culturale, basti visitare Sondrio e ciò che offre la zona circostante per rimanere affascinati dalla bellezza della zona.

SONDRIO e dintorni

Gli splendidi paesaggi dai colori autunnali della Media Valtellina sono ottimi motivi scoprire questo territorio attraverso numerosi eventi e attività alla scoperta delle più antiche tradizioni e dei sapori del territorio.

Forcola

A Sondrio e nei paesi limitrofi, il 9 Novembre si svolge la Valtellina Wine Trail, un evento per conoscere e scoprire il territorio attraverso la storia, la tradizione e lo sport, in un percorso attraverso le eccellenze vitivinicole della Provincia di Sondrio. Nato con l’intento di promuovere e raccontare il territorio valtellinese, in un mix vincente di paesaggio, sport ed eccellenze locali.

Piazza Garibaldi

Tra i luoghi principali della città vi è Piazza Garibaldi, con il monumento bronzeo di Garibaldi (1909) posto al centro di essa. Sulla piazza si affacciano imponenti edifici tra i quali il Teatro Sociale (1824), la Banca d’Italia e il Grand Hotel della Posta (1855).

Interno Colleggiata dei Santi Gervasio e Protasio

Procedendo lungo le vie del centro, si giunge al fulcro politico e religioso, Piazza Campello, dove si trova il Palazzo Pretorio e la Colleggiata dei Santi Gervasio e Protasio.
La chiesa è dedicata ai santi patroni della città ed è il principale luogo di culto di Sondrio. Ha una navata barocca e la facciata ricostruita secondo canoni neoclassici, all’interno sono degni di nota i sei altari laterali oltre ad importanti opere affrescate.

Palazzo Pretorio

Situato praticamente di fronte alla chiesa, sorge il rinascimentale Palazzo Pretorio (XVI sec.), dal 1861 sede della municipalità di Sondrio. Le pareti esterne affrescate rappresentano diversi motivi ornamentali con simboli che rappresentano insegne viscontee, sforzesche ed emblemi dei principali Comuni della Provincia, molto bello ed elegante il cortile interno con portico e loggia.

Piazza Quadrivio, Palazzo Sertoli

Non molto distante si arriva ad un’altra piazza degna di nota, Piazza Quadrivio, quella che ha mantenuto di più l’aspetto antico. Sulla piccola piazza si affacciano palazzi importanti come il barocco Palazzo Sertoli (XVIII sec.), il Palazzo Giacconi e il Palazzo Paribelli e situata su un lato, una bella fontana del 1820.

Via Scarpatetti

Dalla piazza inizia Via Scarpatetti, che in percorso in salita giunge ai piedi del Castello Masegra, dove godere un magnifico panorama della città. La via è caratterizzata da pavimentazione in ciottoli e da antiche case di pietra con ballatoi in legno, il tutto conferisce una autentica atmosfera rurale.

Ristorante San Carlo, sapori autentici come una volta

Un posto che mi permetto di consigliare nella zona è il Ristorante San Carlo situato a Chiuro, a pochi chilometri da Sondrio.

Ristorante San Carlo

Un locale storico molto interessante, che dal 1843 è gestito dalla stessa famiglia (Redaelli), ora alla guida del ristorante c’è Carlo, sua sorella e i loro genitori, tutti molto cordiali e disponibili.

Prima di diventare ristorante, fu prima un ufficio postale e telegrafico e successivamente stazione di cambio cavalli per le diligenze.

Immagine storica del ristorante

Tutti i piatti proposti nel menù seguono la tradizione valtellinese ed alcuni è stato aggiunto un tocco di rinnovamento, per stare in linea coi tempi, tutto rigorosamente fatto in casa utilizzando materie prime fresche e di grande qualità.
Ogni boccone esalta i sapori, la perfetta cottura, la consistenza del cibo e i condimenti, il tutto seguendo la stagionalità.

Ricca anche la sezione dei vini della zona che possono accompagnare ogni piatto, come il Valtellina DOC e DOCG.

Pizzoccheri e Risotto Cunsc

Tra le proposte elencate nel menù, consiglio:

  • Antipasto misto San Carlo: Selezione di salumi misti locali, un chiscol e verdure in carpione
  • Pizzoccheri: Impastati e tagliati a mano e preparati secondo la ricetta di famiglia
  • Risotto Cunsc rivisitato: Risotto mantecato, con scalogno caramellato, pesto di salvia e patate croccanti
  • Costine e Taroz: Costine alle erbette con taroz
  • Salmì di cervo e Cropa: Bocconcini di cervo marinati nel vino e spezie e polenta cropa
  • Torta di mele
  • Torta di grano saraceno e confettura di mirtilli

Ristorante San Carlo
Via Stelvio, 48
23030 Chiuro (SO)
Tel.: 0342.482272
Email: info@ristorantesancarlo.it
Web: www.ristorantesancarlo.it


Ponte nel cielo e AgriSogno

Sempre in Valtellina, più precisamente in Val Tartano, a pochi chilometri da Morbegno e da Sondrio, sorge il “Ponte nel cielo, un singolare ponte in metallo in stile tibetano della lunghezza di circa 235 metri posto ad una altezza di circa 140 metri dal suolo, che lo ha reso il ponte tibetano più alto d’Europa. Da questa straordinaria opera ingegneristica è possibile ammirare un panorama mozzafiato sulla valle, che in autunno si “dipinge” di splendidi colori.

Ponte nel cielo

Attrazione aperta da circa un anno che ha fatto da vero e proprio traino per l’intera area, dalla sua apertura si è registrato un aumento considerevole dei turisti nella zona, un’ottima cosa per l’economia locale.

L’Agrisogno, Val Tartano

Situato a pochi metri dall’ingresso del Ponte nel cielo, vi è il chiosco de L’Agrisogno aperto dallo scorso giugno, dove poter gustare ed acquistare prodotti BIO e a “Km 0”. Molte le proposte offerte che spaziano da ottimi succhi di frutta e confetture, a formaggi ed insaccati oltre a frutta e verdura che seguono le stagionalità, nella stagione estiva ad esempio, potete trovare ottimi mirtilli e prodotti derivati.

Prodotti 100% naturali


L’Agrisogno
Via Spini
23010 Campo (SO)
Tel.: 392.8432208
Email: info@lafrutteriadepetri.it


LIVIGNO, non solo sport

Livigno è probabilmente nota per essere un “grande centro commerciale a cielo aperto” tra le montagne ma è altrettanto famosa fra gli amanti dello sport e della natura.

Livigno sarà una dei luoghi scelti per le Olimpiadi di Milano-Cortina 2026, oltre al Villaggio Olimpico ospiterà le discipline di snowboard e freestyle e verranno assegnate ben 20 medaglie.
La cittadina valtellinese si sta già preparando per il grande evento, questa estate è stata inaugurata la pista di atletica e solo poche settimane fa è stato aperto l’anello da fondo.
Molti atleti hanno scelto Livigno come base per i propri allenamenti, come ad esempio la Campionessa Olimpica di Snowbord a Losanna 2018, Michela Moioli e l’Ambassador di Aquagranda, Federica Pellegrini.

Per poter aprire le piste da sci in anticipo, è stata creata la Snow Farm che permette l’accumulo di neve e anche un risparmio energetico poichè si consumano solo 0,3Kw per produrre 1m³ di neve. Questa pratica consente di usare la neve conservata durante l’estate, per aprire le piste con tempistiche record e senza l’uso di neve artificiale e cannoni.

Da sempre attenta all’eco sostenibilità, a Livigno hanno deciso di compiere un ulteriore passo avanti dando vita al progetto Livigno Plastic Free. Gli uffici e le strutture comunali, i commercianti, gli enti e le associazioni hanno sostituito gli oggetti in plastica monouso con alternative in materiale biodegradabile e/o compostabile, allo stesso tempo, Aquagranda Active You! si è posta l’obiettivo, entro la seconda metà del 2020, di essere una struttura interamente ad impatto zero sull’ambiente.

Progetto Tas’t, colazione valtellinese

Novità anche dal punto di vista gastronomico, dalla collaborazione di APT Livigno, ACPL, ATC Livigno, produttori locali e albergator, è nata Tas’t.
Si tratta di una iniziativa dedita a far conoscere da vicino ai turisti i sapori e i prodotti più autentici della tradizione. Gli alberghi aderenti al progeto, allestiranno un “Angolo della Colazione livignasca” che comprenderà dolci, pane, latticini, insaccati e stagionati locali.

Express your opinion

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.