fbpx
Home Racconti Capodanno a Dusseldorf

Capodanno a Dusseldorf

by Albore Simone Marino
0 commento

Ultimo viaggio del 2015 ma anche primo del 2016, la meta scelta per festeggiare il Capodanno è stata Dusseldorf e alcune città vicine.

Partiamo nel primo pomeriggio da Milano Malpensa con Eurowings, compagnia parte del gruppo Lufthansa, abbiamo optato per la tariffa BASIC, la più economica dato che il viaggio è breve.

Arriviamo a Dusseldorf con un piccolo ritardo, prendiamo il comodo servizio ferroviario che collega l’aeroporto alla città ed in circa 15 minuti arriviamo alla stazione ferroviaria di Derendorf, nei pressi dell’hotel. (Biglietto aeroporto-Hotel: €2,60)

DSCN5979 Capodanno a Dusseldorf

Rathaus di Dusseldorf

La struttura che abbiamo scelto è il Mercure Dusseldorf City Nord, si trova a circa 20 minuti dall’aeroporto e a 10 minuti a piedi dalla stazione di Derendorf, 4Km dal centro città ma comodamente raggiungibile con il Tram 701.

L’albergo è molto bello e pulito, lo staff sempre cortese e disponibile, la camera di buone dimensioni e fornita di prodotti da bagno, la zona dove sorge l’hotel è piuttosto tranquilla e comoda anche per chi arriva dalle autostrade.

Scoprendo Dusseldorf

Iniziamo la scoperta della città, percorriamo i 4Km che ci dividono dal centro a piedi in circa 1.30h sarà la prassi quotidiana.
Arrivati in zona centro ammiriamo il Museum Kunst Palast, include oggetti di belle arti dall’antichità classica ad oggi, tra cui disegni, sculture, una collezione di oltre 70.000 reperti grafici e fotografie, oltre una delle collezioni di vetro più grandi d’Europa. Poco distante sorge la Tonhalle (1926), riconoscibile dalla grossa cupola, fu inizialmente il planetario più grande al mondo convertito in sala da concerti nel 1970. Proseguendo lungo il corso del fiume Reno, ci addentriamo verso la chiesa di St. Lambertus (1300 circa), si giunge poi in una delle piazze dei Mercatini di Natale, dove sorge la Schlossturm, ciò che rimane del vecchio castello ora ospita un museo sulla navigazione del Reno. Vi sono diversi mercatini sparsi nel centro della città, purtroppo il periodo di apertura è da metà Novembre al 23 Dicembre, quindi noi ci siamo dovuti accontentare di ciò che è rimasto, giusto 4 bancarelle di cibo e beveraggio, ruota panoramica e una bancarella di liquori.

DSCN5968 Capodanno a Dusseldorf

Ruota panoramica

Proseguiamo il giro nell’Altstadt il “vecchio quartiere”, giungendo al Rathaus situato in Marktplatz, l’edificio è in stile tardo gotico. Proseguiamo il cammino in direzione della Rheinturn (o anche Fernsehturm), il vero simbolo della città. L’alta torre delle comunicazioni ha anche il primato di essere l’orologio digitale più grande al mondo. Infatti il “fusto” della torre è diviso in tre parti da due anelli di luci rosse, con la sezione superiore a contare le ore, la sezione centrale a contare i minuti, e il livello più basso a contare i secondi. Non cercate però dei numeri, ma solo dei punti di luce da contare.

In attesa della mezzanotte cerchiamo un punto dove poterci posizionare strategicamente per immortalare nelle foto i magnifici fuochi d’artificio che vengono sparati lungo il fiume. Scatta la mezzanotte, la Rheinturm si spegne e si scatena la folla! Lo spettacolo è molto bello, i fuochi provengono da ogni direzione c’è moltissima gente ma poche forze dell’ordine…

DSCN5964 Capodanno a Dusseldorf

Rheinturm

Con non poche difficoltà rientriamo in albergo, ovviamente a piedi!

Primo giorno dell’anno nuovo, solita camminata verso il centro per iniziare bene la giornata e smaltire la colazione. I negozi del centro sono tutti chiusi per la festività così come molti ristoranti, decidiamo comunque di girare in modo da vedere meglio la città e fare le foto. Scegliamo di salire sulla Rheinturm che fino a quel momento avevamo visto solo di sera. Dal piano più alto (raggiungibile in ascensore) a 168 metri si può ammirare la città a 360°.

DSCN6043 Capodanno a Dusseldorf

Neuer Zollhof

Per non farci mancare nulla, decidiamo di vedere 3 edifici molto particolari i Neuer Zollhof, una parte del porto riqualificata. Il complesso edilizio è composto da tre edifici separati che sono stati progettati dall’architetto americano Frank O. Gehry e completata nel 1998.
La particolarità è che ogni edificio ha un rivestimento differente, uno in intonaco bianco, uno rosso mattone e l’edificio centrale cha una facciata in acciaio inox che riflette materiali e le forme dei suoi due edifici vicini. L’edificio più alto è composto di 14 piani e alto poco meno di 50 metri.

Dusseldorf purtroppo non è niente di che, il centro storico è piccolo e non ha grosse attrattive, molto bella la Torre sul Reno, altro problema della città sono i prezzi, piuttosto alti.

Escursione a Colonia

Giornata di escursione a Colonia, prendiamo il treno alla vicina stazione di Derendorf ed in circa 1h arriviamo a destinazione (costo biglietto €11).

Usciti dalla stazione centrale, ci si imbatte subito nella maestosa Cattedrale. Con il suo stile gotico e le caratteristiche torri cuspidi gemelle alte 157m, è il simbolo della città, dedicato ai Santi Pietro e Maria. La costruzione ebbe inizio nel 1248 ma terminò solo nel 1880. Al suo interno si trovano le reliquie dei Re Magi.
La Cattedrale è inserita nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

IMG_20181229_162801 Capodanno a Dusseldorf

Cattedrale di Colonia

Attraversando Roncalli Platz si arriva al Museo Romano Germanico e il Museo Ludwig (Museo di Arte Moderna), poco distante sorge la Philharmonie, la sala concerti della città. Proseguiamo lungo il Rheingarten, il parco che costeggia il fiume Reno ed entriamo nella città vecchia (Altstadt).  Il quartiere ha ancora una atmosfera medievale che lo rende magico, visitiamo la basilica romanica di Grob St. Martin (1172) e poi procediamo verso l’Alter Markt e il Rathaus (1135) con portico rinascimentale.

IMG_20190102_162645_661-1 Capodanno a Dusseldorf

Farina haus

Di fronte ad esso si trova la Farina Haus (1709), edificio in cui sorse la fabbrica di profumi più antica al mondo e nacque l’Eau de Cologne. Fu fondata da Giovanni Battista Farina, fratello del profumiere Italiano Giovanni Maria Farina, il simbolo dell’azienda è il tulipano rosso.

IMG_20190102_163439_772-1 Capodanno a Dusseldorf

Eau de Cologne 4711

Torniamo verso il fiume Reno per visitare il Museo del cioccolato Imhoff ma che in realtà non visiteremo dato l’alto prezzo d’ingresso, visitiamo però lo spaccio dolciario, sempre per non farci mancare nulla. Saliamo sul vicino ponte per poter fare qualche foto panoramica del centro storico della città, terminate le foto ci dirigiamo verso l’edificio della 4711 Haus, sede dell’omonima Acqua di Colonia. Lo splendido edificio racchiude oltre il museo che percorre la storia della società, ha anche il negozio dove poter acquistare i prodotti, appena entrati si rimane avvolti dal piacevole profumo di Acqua di Colonia.

Visita ad ESSEN

Ancora una giornata di escursione, questa volta andiamo ad Essen, ma prima ci dirigiamo al Castello di Benrath che dista circa 15 minuti in treno da Dusseldorf.

DSCN6123 Capodanno a Dusseldorf

Castello di Benrath

Il castello terminato di costruire nel 1770 presenta un puro stile Luigi XV. Il corpo centrale, fiancheggiato da due ali basse, venne progettato per il principe-elettore del Palatinato. Gli appartamenti conservano le loro decorazioni originali in stile rococò. L’edificio è circondato da un parco alla francese che si estende fino alle sponde del Reno.

Finita la visita al Palazzo e ai giardini, purtroppo non fioriti visto il periodo invernale, prendiamo il treno alla volta di Essen che in circa 1h ci porta alla meta (Biglietto treno €13).

DSCN6130 Capodanno a Dusseldorf

Cattedrale di Essen

Essen è una vecchia città mineraria della Ruhr, il centro storico si concentra lungo la via centrale e dello shopping che parte dalla stazione, si giunge alla Cattedrale (IX Sec.), conosciuta come Munster, fu eretta come convento con una torre ottagonale, unica testimonianza sopravvissuta ai giorni nostri. La struttura attuale è il risultato curioso con l’assemblaggio della piccola chiesa Johanniskirche che si estende oltre il vestibolo.

DSCN6134 Capodanno a Dusseldorf

Alte Synagoge

A poche centinaia di metri di distanza si trova la Alte Synagoge (1913), una delle più grandi in Germania. La struttura rimase praticamente intatta anche a seguito dei bombardamenti alleati durante la II Guerra Mondiale, negl’ultimi anni è stata restaurata. All’interno della Sinagoga, oltre alla zona delle celebrazioni, vi è il museo di storia ebraica.

Essen è una città vivibile e riconvertita al verde, molto lontana dall’immaginario collettivo di città industriale e mineraria.

Una giornata da dimenticare…

Giorno di rientro a Milano, lasciamo l’albergo e ci dirigiamo in stazione a prendere il treno che ci avrebbe portato in aeroporto. Arriva il treno, controlliamo la destinazione e saliamo, sentiamo che il macchinista fa due annunci in Tedesco e molte persone lasciano il treno, chiediamo informazioni ad una ragazza seduta vicino a noi, ci dice che il treno ha cambiato destinazione e che non farà fermate fino ad Essen… problema, si chiudono le porte e così siamo costretti a farci il lungo viaggio, peccato che dovremmo essere in aeroporto per le 13.30 orario di chiusura del check-in, inutile raccontare l’arrabbiatura, soprattutto perché non sono stati fatti messaggi in Inglese ma solo in Tedesco.

Arriviamo ad Essen alle 13 passate aspettiamo il primo treno per tornare indietro e scendere in aeroporto, in 5 minuti arriva fortunatamente il treno, secondo gli orari esposti in stazione dovremmo arrivare in aeroporto oltre il tempo di apertura del check-in. Finalmente arriviamo alla stazione dell’aeroporto ma dobbiamo aspettare lo Skytrain, la navetta che collega i terminal dell’aeroporto di Dusseldorf, altro tempo perso e nervosismo che aumenta. Dopo 10 minuti giungiamo all’area checkin, corriamo speranzosi che sia ancora aperto… ed è così peccato che ci dicono che abbiamo poco più di 5 minuti prima che aprano il gate! PANICO!!!

Molliamo la valigia e ci fiondiamo ai controlli di sicurezza, passato il controllo del Pasaporto, ci mandano al body scanner, ma davanti a noi c’è una ragazza che sembra non aver mai preso un aereo in vita sua, toglie ogni cosa che indossa ed oggetti di ogni tipo dal bagaglio a mano con molta calma… noi dietro che con fin troppa pazienza non dicevamo nulla. Ad un certo punto si accorge di fare coda e ci lascia passare avanti, per fortuna, passato il body scanner pensavamo che la sfortuna fosse finita… ma figurati! Mi fermano per un controllo a campione con il tampone che rileva sostanze illegali, probabilmente avranno notato il nervosismo (vorrei vedere loro dopo quello che abbiamo passato), esito ovviamente negativo.
Corriamo al gate sperando di trovarlo ancora aperto, arriviamo giusto 1 minuto prima dell’apertura, finalmente certi di arrivare a casa.

copyscape-seal-blue-120x100 Capodanno a Dusseldorf

Please follow and like:
icon_Follow_en_US Capodanno a Dusseldorf 0
2k
en_US_save Capodanno a Dusseldorf20
Express your opinion

Potrebbe piacerti anche

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: