Home TrasportiVoli WOW, fallisce l’islandese low cost

WOW, fallisce l’islandese low cost

by Albore Simone Marino
0 commento

Ed ecco arrivata la notizia dell’ennesima Compagnia aerea europea in fallimento, l’ultima era stata la cipriota Cobalt a fine Ottobre, ora è toccato alla low cost islandese WOW Air, riconoscibile ovunque dalla livrea total violet.

Il vettore islandese WOW Air ha annunciato oggi che ha cessato con effetto immediato le attività, dopo la mancata acquisizione da parte di Icelandair ed aver cercato nuovi investitori per risanare i debiti.
Fino a pochi giorni fa la situazione sembrava essersi risolta, sembrava avessero trovato un accordo con i propri creditori per riconvertire i loro crediti in quote azionarie.

Skuli Mogensen, fondatore di WOW Air

In una lettera inviata ai dipendenti l’imprenditore Skuli Mogensen, fondatore di WOW Air, ha detto: <<“Abbiamo finito il tempo e sfortunatamente non siamo più in grado di assicurare il finanziamento della società. Non mi perdonerò mai di non aver agito prima“>>.

La Compagnia ha consigliato ai passeggeri di verificare eventuali alternative con altre compagnie aeree.
I viaggiatori bloccati o in possesso di biglietti per i voli futuri hanno opzioni limitate perché i voli last minute sono costosi e i voli da/per l’Europa su altri vettori non sono mai stati così convenienti come i voli in promozione di WOW .

Rotte

Si stima che i passeggeri bloccati a terra siano circa 4000, Icelandair insieme ad easyJet, stanno cercando di venire in contro ai viaggiatori offrendo un posto su uno qualsiasi dei loro voli a un prezzo scontato.
Altre compagnie aeree possono offrire ai passeggeri le cosiddette tariffe di salvataggio per aiutare i viaggiatori a raggiungere le loro destinazioni. I passeggeri che hanno prenotato i loro voli con carte di credito dovrebbero, in molti casi, recuperare i loro soldi.
La compagnia aerea ungherese Wizz Air e l’irlandese Aer Lingus, hanno annunciato che assisteranno i passeggeri con tariffe di salvataggio.

Logo WOW Air

WOW Air nata nel 2011, è diventata famosa per i suoi aerei viola e i prezzi molto  bassi, in alcuni casi, per offrire voli di sola andata tra gli Stati Uniti e l’Europa a meno di $100.

Durante i primi 9 mesi del 2018, le perdite della compagnia aerea sono più che raddoppiate (con una perdita di quasi € 30 milioni) rispetto lo stesso periodo dell’anno precedente, anche se le entrate sono aumentate del 31%.

Airbus A330 WOW Air

Un dettaglio da non sottovalutare è la presenza degli A330 in flotta che, non solo hanno aumentato i costi operativi della compagnia aerea, ma ha anche messo sotto pressione WOW per riempire velivoli.

La notizia è un problema anche per l’Islanda, poiché l’indotto del turismo rappresenta il 43% del PIL (2017), secondo i dati ufficiali.

La scomparsa di WOW Air segue una serie di chiusure di compagnie aeree in Europa, dove il settore dell’aviazione si è espanso a un ritmo furioso, offrendo ai passeggeri viaggi più lunghi a prezzi più convenienti, Flybe, Compagnia aerea low cost britannica, è stata acquistata a Gennaio da un consorzio che include Virgin Atlantic.

Quale sarà la prossima?

Express your opinion

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.